LA PORTA SUD DEL CASTRO ROMANO

Via Principalis
ottobre 23, 2017
LA STATUA DI MICHELE IL CORRAGIOSO
ottobre 23, 2017

P

La traccia più visibile del castro Apulum è la porta del lato sud, chiamata Porta principalis dextra. Si tratta dell’unica delle quattro porte del castro di forma quadrangolare che sia rimasta fino ad oggi. L’obiettivo, di massima importanza per l’antica storia dello spazio romeno, è evidenziato sull’Itinerario delle Tre Fortificazioni, situato nella parte sud e sud-est della Fortezza Alba Carolina. Le vestigia rimaste raffigurano solo una parte dell’aspetto di una volta della Porta e circa un terzo della sua bellezza di 1.800 anni fa. Anche così, è una testimonianza vivente della civiltà romana in queste terre e parla di un periodo fiorente dell’antica Apulum.

La Porta principalis dextra fa parte dalla categoria delle porte doppie ed in passato era incorniciata da due torri massicce, che erano alte più di otto metri. I muri, da entrambi i lati, erano alti 7 metri e con uno spessore di 2 metri.

Cosa c’era oltre il cancello della porta sud del castro? Qui cominciava l’insediamento civile. A titolo di prova, vi sono le tracce di quel tempo riportate alla luce dagli archeologi.

Per fornire ai visitatori romeni e stranieri un quadro coerente della Porta, i restauratori hanno ricomposto con una speciale eleganza i blocchi di pietra di quasi due millenni fa con dei materiali nuovi, facilmente identificabili per il colore più bianco. In altre parole, hanno portato di fronte ai visitatori una testimonianza tangibile del soggiorno della Legione XIII Gemina, l’unica legione, che sia rimasta in Dacia durante l’occupazione romana.                                        

Italiano