IL PALAZZO ARHIEPISCOPALE

LE VESTIGIA DELLA CHIESA DEL X SECOLO
ottobre 23, 2017
LA CATTEDRALE ROMANO-CATTOLICA „SAN MICHELE”
ottobre 23, 2017

P

Il Palazzo vescovile si trova nell’angolo sud-ovest della Fortezza, vicino alla Cattedrale Romano-Cattolica. La storia del Palazzo è strettamente legata a quella di una importante istituzione che qui opera da secoli: la Diocesi Romano – Cattolica di Alba Iulia, elevata al rango di arcidiocesi nell’anno 1991. I momenti iniziali del Palazzo sono difficili da ricostruire. Le prime menzioni documentate che testimonino l’esistenza del Palazzo sono dell’anno 1287.  Molto probabilmente, l’edificio venne costruito in parallelo con la Cattedrale che si trova nelle immediate vicinanze.

L’intera fila di edifici sul lato sud della Fortezza faceva parte dello stesso complesso che servii inizialmente come residenza episcopale. Lo statuto del complesso cambiò nella metà del XVI secolo, quando Alba Iulia divenne la capitale del Principato della Transilvania.

Dopo la secolarizzazione dei beni dell’istituzione vescovile, l’edificio entrò in possesso della regina Isabella, la madre di Ioan Sigismund, cioè dopo la metà del XVI secolo e l’edificio divenne la residenza dei principi della Transilvania. La sua funzione cambio alla fine del XVII secolo, quando la Transilvania entrò sotto il dominio degli asburgici. I nuovi governanti divisero gli edifici: i cortili orientali del vecchio Palazzo dei Principi tornarono all’esercito, mentre il cortile occidentale al vescovato cattolico. Il vescovo cattolico tornò qui nel 1715.

Fino al 1736, l’attuale palazzo era separato attraverso una stradina dagli altri corpi del complesso, che vennero aggiunti nel XVII secolo.

Nel passato si diceva che il Palazzo Vescovile comunicasse direttamente con la Cattedrale attraverso un passaggio.

L’aspetto attuale del Palazzo è il risultato di secoli di cambiamenti ed estensioni. I recenti lavori di restauro hanno rivelato che i telai delle porte e delle finestre sono di origine rinascimentale. I restauratori hanno evidenziato alcuni elementi nella galleria delle finestre con delle aperture in tre registri separati, risalenti al XVI secolo.

Attualmente, il Palazzo Arcivescovile delimita un cortile interno, ove è posta la statua del Vescovo Márton Áron. Qui vi è la sede dell’Arcivescovato romano – cattolico di Alba Iulia. Il pubblico interessato può visitare una collezione museale spettacolare. È l’unico punto di accesso del complesso.

Grazie alla sua storia ed alla sua architettura, il Palazzo appare nella lista dei monumenti più importanti della città di Alba Iulia.

Italiano