OBIETTIVI TURISTICI

ottobre 24, 2017

LA SESTA PORTA DELLA FORTEZZA ALBA CAROLINA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

La Sesta Porta è quella da cui entrarono il re Ferdinando e la regina Maria quando visitarono per la prima volta Alba Iulia, nel 1919. Sempre da questa Porta entrarono nel 1922 quando vennero incoronati Sovrani della Grande Romania. La Sesta Porta si trova sul lato ovest della Fortezza Alba Carolina, nella zone che costituisce la prima linea di difesa della fortificazione, chiamata controguardia. Il monumento è piccolo, costituito da due massicci pilastri di blocchi di pietra sovrapposti, senza elementi decorativi incorporati nel muro di mattoni. I restauratori hanno posizionato sui pilastri due palle di cannone inesplose, realizzate in pietra. I pilastri delimitano una carreggiata, att [...]
ottobre 24, 2017

LA SETTIMA PORTA DELLA FORTEZZA ALBA CAROLINA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

La Settima Porta è situata sul lato nord della Fortezza Alba Carolina, sulla terza linea di difesa della fortificazione, chiamata in linguaggio tecnico controguardia. Venne scoperta durante i lavori di restauro della Fortezza, dopo quasi 300 anni. L'idea dell'utilità di questa porta venne abbandonata prima del completamento della costruzione della Fortezza e di conseguenza l'apertura venne bloccata con un muro di mattoni. Probabilmente, si ritenne che l'esistenza della Porta avrebbe impedito la difesa del corpo principale della Fortezza in caso di attacco dal lato nord. La Porta era prima del 1717 il luogo attraverso il quale le truppe austriache uscivano dalle mura, sul lato settentrio [...]
ottobre 24, 2017

IL BASTIONE DELLA TRANSILVANIA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

I bastioni sono sette e danno alla Fortezza di Alba Carolina la forma di una stella a sette angoli. Parliamo dei bastioni della Fortezza, che formano nella zona centrale „un’area di sicurezza” della fortificazione, la più importante e la più protetta. Eretto sul lato est della fortificazione, il Bastione San Capistrano è stato così nominato dagli austriaci da Giovanni da Capistrano, un monaco francescano italiano con una ricca attività religiosa, canonizzato nel 1690. I muri dei bastioni sono costruiti in mattone e terra, hanno una base di 2,5 metri di spessore e per il loro riempimento è stata utilizzata la pietra proveniente dalle rovine del castro romano Apulum. Ha una form [...]
ottobre 23, 2017

LA CASA VELICAN

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Situata nel centro della città di Alba Iulia, la Casa Velican ha abbracciato la storia della Romania, sia prima del 1 Dicembre 1918, che nel successivo periodo. Uno dei criteri per la scelta della casa Velican quale sede per i leader politici della Transilvania fu il fatto che la famiglia Velican aveva vecchi rapporti con i combattenti per l’Unione della Transilvania con la Romania. Inoltre, l’edificio era confortevole. Camil Velican fu uno dei principali organizzatori locali della Grande Assemblea Nazionale di Alba Iulia, che decise l’Unione della Transilvania con la Romania. Nella sua casa si incontrarono i rappresentanti dei romeni della Transilvania, sia prima del 1 dicembre 19 [...]
ottobre 23, 2017

LA PIAZZA DELLA FORTEZZA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

È il posto nel cuore della Fortezza ove si incontrano ogni anno decine di migliaia di persone di tutte le età per godersi dei concerti pieni di ritmo. Qui, gli artisti romeni e stranieri ci dimostrano che la musica suona nel miglior modo nella Piazza della Fortezza. Se arrivate in questo spazio per un concerto, o semplicemente per socializzare o scattare delle foto, è necessario sapere che questa zona ha avuto una speciale importanza fin dai tempi dei Romani. Qui aveva la sede la XIII Legione Gemina, l'unica legione che rimase in Dacia durante l'occupazione romana. Le tracce della „Principia” sono valorizzate nel Museo romano con lo stesso nome, situato sul lato nord della Piazza. L [...]
ottobre 23, 2017

LA PIAZZA DEL BATTERISTA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Il nome della Piazza è dato dalla statua che si trova in mezzo ad essa e che rappresenta un batterista vestito nell’uniforme del XVIII secolo. È il luogo ove si può passeggiare, andare in bicicletta o con i pattini. La „Piazza” è in realtà lo spazio situato tra i due bastioni della Fortezza di Alba Carolina, situati sul lato nord della fortificazione: Santa Elisabetta e San Carlo. L'opera di fortificazione posta di fronte a loro verso nord si chiama rivellino e porta il nome di Elisabetta. Il nome del bastione San Carlo ci rimanda all’imperatore Carlo VI°, durante il cui regno venne eretta la Fortezza. Inoltre, il monogramma dell’imperatore d’Austria, avendo da una parte [...]
ottobre 23, 2017

LA PORTA DELLA ZECCA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Nella Fortezza di Alba Iulia sono esistite, nel corso del tempo, due zecche: quella „vecchia” e quella „nuova”. La prima funzionò nel periodo in cui Alba Iulia fu, per quasi 150 anni, la capitale del Principato della Transilvania. Le prime emissioni monetarie con l’insegna della città risalgono all’inizio degli anni 1600, ai tempi del principe Gabriele Báthory. „La vecchia zecca” raggiunse il picco durante il suo successore, il principe Gabriele Bethlen, che emise una grande massa monetaria, tra cui anche dei pezzi d’oro. Dopo che gli austriaci presero la Transilvania, la zecca passò sotto la proprietà dell’Impero Asburgico. „La nuova zecca” era situata sul la [...]
ottobre 23, 2017

L’EX HOTEL HUNGARIA

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Inaugurato nel 1887, l’albergo Hungaria fù a quel tempo il più importante edificio della cosiddetta „Città di Sotto”. La sua posizione era centrale nella Piazza della Città, sul lato ovest della stessa. L’albergo ha ospitato molti eventi politici e culturali. Il 30 novembre 1918 è stato il giorno in cui l’Hotel Hungaria abbracciò la storia della Romania. Nel ristorante dell’albergo, vennero negoziati e stabiliti gli articoli della Risoluzione dell’Unione, l’importante documento dell’Unione della Transilvania con la Romania. L’atto fù votato il giorno successivo, il 1 dicembre 1918, sempre ad Alba Iulia, nell’attuale Sala dell’Unione. Nella prima metà del XX [...]
ottobre 23, 2017

IL MONUMENTO DELLA COLLINA DELLE FORCHE

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Il monumento commemora l’esecuzione di Horea e Cloșca ad Alba Iulia nel 28 febbraio 1785.  L’iniziativa della costruzione del piccolo obelisco venne presa nel 1926 e questo fatto si trova inciso sul marmo sul piedistallo dell’obelisco. La collocazione del monumento sulla Collina delle Forche non fu una coincidenza: qui nel passato si trovava il luogo di esecuzione. La sua posizione, tuttavia, era sul altro lato della collina, verso sud, vicino al quartiere che oggi si chiama Partoș. Al momento dell’inaugurazione del monumento, non si era ancora al corrente delle informazione, quindi si credette che il luogo dell’esecuzione dei capi della Rivolta del 1784-1785 fosse vicino a q [...]
ottobre 23, 2017

LA ROTTA DELLE TRE FORTIFICAZIONI

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

I visitatori che arrivano „nella rotta delle tre fortificazioni” hanno l’opportunità di tornare indietro nel tempo, di viaggiare attraverso due millenni, tra le vestigia delle tre fortificazioni, in altrettante epoche differenti. In altre parole, ogni Fortezza costruita ha incluso quella vecchia: il Castro eretto dai romani, la Fortezza medievale e la Fortezza di Alba Carolina. La rotta è organizzata nella zona sud e sud-est della Fortezza bastionata di Alba Carolina, avendo la struttura di un museo a cielo aperto per la maggior parte di essa. La traccia più visibile del castro di Apulum è la porta del lato sud, chiamata Porta principalis dextra. È l’unica delle quattro porte [...]
ottobre 23, 2017

LA BIBLIOTECA BATTHYANEUM

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Uno dei luoghi più importanti in Alba Iulia ed, allo stesso tempo, uno dei motivi principali per la fama della città è la Biblioteca Batthyaneum. Grazie alla raccolta di libri medievali e pre-moderni, la Biblioteca Batthyaneum rimane un vero e proprio Museo di libri rari, ad oltre 200 anni dalla sua fondazione. L’edificio fu eretto nella prima parte del XVIII secolo, in un angolo della Fortezza. È un luogo con una doppia valenza: spirituale e culturale. Si tratta di un monumento di architettura religiosa, poiché nella prima fase ebbe la funzione di chiesa e convento per i monaci trinitari, un antico ordine cattolico dedicato alla Santissima Trinità. Verso la fine del secolo, l’e [...]
ottobre 23, 2017

L’ISTITUTO TEOLOGICO ROMANO CATTOLICO

Consulente scientifico: Tudor Roșu , storico Editor degli script: Nicolae Neag, Esperto di Pubbliche Relazioni Materiale tradotti da: Camelia Augusta Roșu e Claudio Calai.

Una delle scuole d’elite fondate nella Fortezza Alba Carolina nel XVIII secolo fu il Seminario Romano – Cattolico, conosciuto come Seminarium Incarnatae Sapientiae. In altre parole la Sapienza personificata. L’Istituto teologico venne fondato nel 1753 dal vescovo Sztoyka Zsigmond Antal (1749-1759) e funzionò in diversi spazi all’interno della fortificazione fino al 1792. Su iniziativa del vescovo Battyhâny Ignâc (1780-1798), l’edificio dell’ex complesso monastico dell’ordine dei trinitari, abolito nel 1783, ricevette un’altra destinazione. Nell’edificio della chiesa, il vescovo fondò una biblioteca ed un osservatorio astronomico, l’attuale Biblioteca Batthyaneum. Ne [...]
Italiano